Quando i giganti regnavano sulla Terra

Enormi resti di scheletri appartenuti ad una razza umana non ben definita sono stati rinvenuti in vari siti archeologici in tutto il mondo. Sono essi la prova dell’esistenza passata dei Nephilim, le mezze divinità, figli degli dei e degli uomini, citate negli antichi testi?

Resized-V65UP

Secondo la Genesi, i Nephilim erano entità presenti sulla terra quando i “figli di Dio” si unirono con le “figlie degli uomini”.

Nel maggio del 1912, in uno scavo archeologico sorvegliato dal Beloit College, vennero riesumati diciotto resti di scheletri appartenenti ad una specie di razza di giganti mai vista prima.

Come è stato ufficialmente dichiarato il 4 Maggio 1912 in un edizione del New York Times, le scatole craniche di questi “uomini”, alti dai 2 ai 3 metri, erano di forma allungata, come lo erano la cavità nasale e la mascella.

giants_005

Il 13 Gennaio 1870, il Wisconsin Decatur Republican riportò che due giganti di razza sconosciuta, ben preservati, vennero scoperti vicino Potosi da degli operai intenti a scavare le fondamenta per una macchina taglialegna, vicino ad una banca nel fiume Mississipi. 

Uno di essi misurava 2 metri e mezzo, l’altro 3 metri. Entrambi avevano degli zigomi pronunciati e una doppia fila di denti. Una vasta collezione di punte di freccia e altri strani oggetti vennero rinvenuti insieme ai resti dei giganti.

GiantsTitle

Erano questi i giganti della bibbia e dei dipinti realizzati da molte delle antiche civiltà passate?

Molti hanno accusato lo Smithsonian Institution di aver messo a tacere queste scoperte, privandole al grande pubblico.

Richard J. Dewhurst rivelò, durante un’intervista (quì sotto), che il Nord America fu governato da un’avanzata razza di giganti e che lo Smithsonian Institution ne sta nascondendo le prove di proposito da 150 anni.