Polaris – Da dove vengono gli Alieni?

Polaris – Da dove vengono gli Alieni?

Polaris (α UMi / α Ursae Minoris) è un sistema stellare triplo situato nella costellazione dell’Orsa Minore; è la stella più luminosa della costellazione, nonché la brillante stella vicina al polo nord celeste, motivo per cui è anche conosciuta come stella polare o stella del nord.

Osservazione

polarisPoiché si trova quasi perfettamente sulla proiezione in cielo dell’asse di rotazione della Terra “sopra” il polo nord (definendo così il polo nord celeste), Polaris è apparentemente ferma nel cielo, mentre tutte le altre stelle sembrano ruotarle attorno. È così un ottimo punto di riferimento per la navigazione celeste. L’antichità dell’uso di questa stella è testimoniata dal fatto che è stata trovata nelle prime tavolette assire conosciute. Nella nostra era, Polaris si trova a circa 1 grado di distanza dal vero polo nord celeste, e descrive quindi un piccolo cerchio di circa 2° di diametro. Polaris definisce il vero azimut nord solo due volte nell’arco delle 24 ore. Durante il resto della giornata è solo un’approssimazione, che deve essere corretta usando le apposite tabelle.

Anche se Shakespeare scrisse “sono costante come la stella del nord”, a causa della precessione degli equinozi la stella più vicina al polo nord celeste cambia col passare dei millenni.

Polaris è facile da trovare, seguendo la linea formata da Merak e Dubhe (β e α Ursae Majoris), le due stelle al margine del Gran Carro. È anche possibile seguire il punto centrale della ‘W’ formata daCassiopea.

Caratteristiche

Polaris si trova a 433 anni luce di distanza (pari a 133 parsec), secondo le ultime misure effettuate dal satellite Hipparcos. Il sistema è composto da una stella supergigante gialla di tipo spettrale F7, e due più piccole nane bianco-gialle di tipo spettrale F3, una posta a 2000 unità astronomiche di distanza, l’altra più vicina, a 5 unità astronomiche. La stella principale – quella visibile ad occhio nudo – è una Variabile Cefeide, una stella pulsante la cui luminosità varia del 16% durante un periodo di 3,97 giorni.

Dopo un’attenuazione ed un minimo dell’oscillazione, Polaris ha ricominciato ad aumentare la variabilità.

In ufologia

Il sistema di Polaris farebbe parte dell’Impero draconiano.

fonte

Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz